awp

Tanti tanti anni fa, la Awp è stata messa sul mercato ed ha conquistato immediatamente il cuore e la mente di tantissimi giocatori, i quali vogliono anche sapere quali sono i casino online dove si vince di più, che passavano il tempo, divertendosi con i giochi inseriti, facendosi coinvolgere dalle “storie” che la “macchinetta” raccontava loro. Poi, per qualche oscuro motivo, da un po’ di tempo si vuole cambiare la sua natura, farla crescere, farla diventare una slot machine da casinò, proponendo sulla sua strada altri valori ed altri sistemi di attivazione, altri valori nelle vincite e nei monte-premi.
Chi conosce di gioco, sa che il record di raccolta delle Awp è stato raggiunto, e mai più superato, nel lontano 2010 ed allora, certamente, non si parlava di emergenze relative al gioco problematico: esisteva un parco macchine formato, almeno nella sua metà, da apparecchiature che avevano l’impostazione iniziale. 50 centesimi di posta – 50 euro per le vincite e che la rincorsa a motori di pagamento più aggressivi si è infranta sulla preferenza dei giocatori verso i titoli che proponevano l’intrattenimento ed il divertimento.
Ci si augura di cuore, quindi, che questo segmento di gioco continui nella sua strada assistito dalla professionalità di chi lo gestisce, anche se questo desiderio è destinato a non essere esaudito posto che queste “macchinette”, ormai, sono rientrate nell’ottica collettiva come conduttrici di disagi e dipendenze. I media hanno fatto di tutto per convincere la “popolazione” che il gioco, ed i suoi apparecchi, sono la “piaga del nostro secolo” e come tale viene vissuto dai più. A poco importa che chi gestisce queste apparecchiature negli anni si sia “specializzato” nella loro gestione e sappia proporle ai propri clienti con professionalità ed anche, se ci si passa il termine, con umanità perché i giocatori hanno necessità anche di questo. Indipendentemente se il parere dei benpensanti è diverso ed orientato a ritenere le “famigerate macchinette” portate alla non socializzazione ed all’estraniarsi dal sociale.
Puntare sull’assenza di queste apparecchiature sembra, a chi scrive, assolutamente sbagliato sia per le industrie di produzione che si troverebbero sicuramente “spiazzate” da una chiusura del mercato, sia per gli stessi giocatori ai quali viene tolta la possibilità di scegliere come divertirsi. In fondo ognuno di noi dovrebbe essere in grado di rapportarsi con il gioco in modo da avvicinarsi con attenzione, responsabilità e con spirito “divertito”. Forse è in questa direzione che andrebbero fatti investimenti sull’informazione e sulla prevenzione e non fare investimenti per eliminare un divertimento che per la maggioranza è rimasto divertimento e nulla di più.
Lo scopo delle Awp, e quindi non dei casino mobile android, non è quello di portare la raccolta a livello superiore, né quello di costare meno a chi la gestisce, ma solo quello di essere un valido strumento per arrivare all’obbiettivo per cui è stato creato. Poi, che sia conducibile con la moneta metallica è ancora una valida scelta del legislatore che porta verso la legalità ed il controllo del gioco e che lo fa diventare sostenibile all’interno di decine di migliaia di esercizi che, non si deve dimenticare, sino al 2003 erano ostaggi dei prodotti illeciti ed illegali. Sino al 2010 le Awp non erano certamente in discussione, ora sì. Ma per colpa di chi o per che cosa?